PDF Stampa E-mail
Il rilevamento Il censimento Il sopralluogo Il rilievo GPS
Il rilievo celerimetrico Il rilievo laser Scanner 3D Il rilievo di dettaglio Le operazioni di laboratorio

Il rilievo celerimetrico è stata la fase successiva alla creazione della rete di inquadramento utile a determinare le coordinate di tutti i punti che costituiscono i vertici dei fabbricati ricadenti all’interno dell’area di intervento.

La stazione Totale utilizzata, Leica FlexLine TS02, è munita di un registratore dati che permette la registrazione automatica dei dati misurati e calcolati e la trasmissione degli stessi nel personal computer del laboratorio per la elaborazione dei dati finali, attraverso un software applicativo, specifico per la soluzione di problemi topografici.

Il rilievo celerimetrico, ha permesso di determinare tutti i punti esterni di contorno dei prospetti, nonché i punti quota utili per individuare le linee di sezione, sulle quali poi è stato possibile montare i prospetti dei fabbricati e inoltre tutta una serie di punti quota, quindi punti 3D,  tutti riferiti ai punti della rete di inquadramento, utili per la restituzione plano-altimetrica del sito.

Contestualmente al rilievo degli spigoli dei fabbricati sono state rilevate le reti tecnologiche presenti nell’area d’intervento:

- rete fognaria (tombini, caditoie)

- rete idrica (tombini, valvole)

- Illuminazione pubblica (punti luce, tombini)

Il rilievo celerimetrico dell’intera area ha prodotto la materializzazione di 20 stazioni e la misura di 373 punti quota.