PDF Stampa E-mail

Oggi vi è un aumento della domanda per una cartografia digitale, maggiormente “rappresentativa” della realtà. Tra le diverse forme di cartografia digitale, quella che sembra rispondere in modo adeguato a queste necessità è senza dubbio la cartografia tridimensionale.
La cartografia digitale 3D, realizzata con strumenti e tecniche tradizionali o moderni, si presta ad un utilizzo in diversi settori.
Oggi l’utente, anche non esperto, usa sul Web i modelli delle città in 3D con estrema naturalezza per scopi legati alla navigazione o a servizi basati sulla localizzazione, ma i modelli 3D sono adatti per altri scopi: ad esempio, GIS tridimensionali pensati per scopi turistici, amministrativi o professionali, l'analisi della distribuzione della radiazione solare, la pianificazione urbana, la verifica degli impatti ambientali, la propagazione delle radio onde o del rumore.
I dati rilevati a Salemi sono stati utili a sviluppare un modello tridimensionale di progetto dell’area d’intervento attraverso il quale l’utente può sperimentare, in una simulazione realistica, la percorrenza degli spazi oggetto di intervento.
Il modello tridimensionale realizzato, che potrà essere fruito dall’utente anche via Web, è il risultato di un accurato lavoro di elaborazione e modellazione dei dati acquisiti con sistemi integrati laser scanning, rilievi topografici e dati provenienti da cartografia numerica.
Attraverso l’Animazione 3D si può vivere in prima persona il progetto come fosse reale. Lo si può navigare virtualmente ed esplorare secondo diverse prospettive. Questo strumento può diventare essenziale per la valutazione dell’impatto visivo e ambientale di un’opera finita all’interno del paesaggio reale, prima della sua effettiva costruzione o ristrutturazione.